TOP NEWS

Giulio Iachetti intervistato da Nodus

giulio iachetti

Nodus collabora con i più famosi designer del mondo. Si tratta di creativi famosi per il loro stile e per la continua innovazione che sanno portare con le loro idee. Uno di questi artisti è Giulio Iachetti. Lo abbiamo intervistato. Andiamo quindi a conoscerlo meglio, per comprendere quali sono le sue idee sul design e quali sviluppi prevede per il futuro.

Come definiresti l’essenza o le caratteristiche primarie del tuo lavoro?
Un’attitudine alla sintesi.

Ogni designer ha un suo stile, dei suoi caratteri distintivi... quali sono i tuoi?
Non mi piace parlare di stile, cerco di interpretare ogni volta il progetto in base alla mia sensibilità, e soprattutto cercando contenuti narrativi che si aggiungono alle normali funzionalità che un oggetto deve esprimere.

Quali sono le persone o le storie che ti hanno più influenzato nel tuo percorso lavorativo?
Sicuramente l’approccio tutto italiano al progetto, con figure di riferimento come Marco Ferreri, Paolo Ulian, Riccado Blumer, Alberto Meda e Denis Santachiara.

In che modo l’aspetto culturale legato al tuo paese e alle sue tradizioni entra nei progetti?
Quelle storie sono dentro di me, i ricordi, l’italianità delle piccole cose che fanno di noi un popolo, il titolo di una canzone di Sanremo, la nebbia della pianura Padana, gli odori della campagna, quella poesia mandata a memoria che racconta di una certa idea di Italia, dei suoi paesaggi umani, urbani, del “meriggiare pallido e assorto” che ognuno di noi ha vissuto in qualche angolo d’Italia, in qualche momento della vita...

Che cosa pensi della sostenibilità oggi? Pensi che sia un elemento basilare del design o che sia un valore aggiunto?
La sostenibilità andrebbe più praticata che evocata per essere usata come foglia di fico per comunicare un’anima green che spesse volte non c’è.

Quanto conta e quanto spesso è presente nei tuoi progetti l’aspetto sociale?
Considero il mio progetto “design alla coop” un punto di convergenza tra il tanto decantato “design per tutti” e la sua effettiva pratica. In quell’occasione un gruppo di bravissmi designer italiani disegnò per Coop una collezione di oggetti utili, belli e con un prezzo più che acessibile.

Il design è più emozione, più razionalità/funzionalità, oppure non c'è prevalenza tra uno dei due aspetti?
Il progetto di design è sintesi di tutte queste componenti, se riusciamo a distinguerle nettamente forse siamo di fronte ad un prodotto non armonico.

Che cosa pensi del ruolo del tessile nel design?
Non faccio distinzioni tra materiali, il valore sta nel progetto e nell’idea.

Per concludere, un aforisma o una frase che ti rappresenta.
Il design è un’attitudine alla sintesi, l’ho scritto all’inizio e mi piace concludere così!

 

Nodus crea tappeti prestigiosi.
Porta nella tua casa il lusso!
>>> CONTATTACI! <<<

 

tappeti di lusso

Nodus ha reinventato il tappeto di lusso. È stato infatti il primo brand a proporre il concetto di tappeto come opera d'arte contemporanea. Da sempre, Nodus crea manufatti esclusivi, che arredano le case più belle del mondo.
Vuoi rendere la tua casa inimitabile come un'opera d'arte? Fai entrare negli spazi della tua vita quotidiana un tappeto annodato a mano di grandissima qualità e design! Regala alla tua famiglia e alle persone che ami la bellezza di un capolavoro da sogno!
Ogni pezzo di Nodus è progettato da famosi Designers, che lo rendono riconoscibile e prestigioso. In questo modo, ogni tappeto è unico: non ne troverai un altro uguale. Come tutte le cose belle e irripetibili, un esemplare della collezione di Nodus ti distingue e parla agli altri del tuo gusto e della tua raffinatezza.
CONTATTACI!